Nato a Firenze nel 1978, Maurizio Agostini si diploma in pianoforte col massimo dei voti presso il Conservatorio "L. Cherubini", dove compie gli studi di strumento sotto la guida del M°. G. Cardini e quelli di Composizione sotto la guida del M° S. Sciarrino.

Nel 1999 si perfeziona in direzione d'orchestra col M° C. M. Giulini presso l'Accademia Chigiana di Siena.

Giovanissimo, nel 1991 è pianista nell'ambito dei Corsi Musicali Internazionali "E. Caruso" diretti dal M°. G. Bechi prima e dal M° R. Panerai poi; nel 1997 ai corsi di Canto tenuti da M°. F. Corelli a Firenze e nel 2001 ai corsi di Canto del M° C. Bergonzi presso l'«Accademia Verdiana» di Busseto.

Ha svolto l'attività di Maestro collaboratore al pianoforte, presso importanti istituzioni quali "Teatro dell'Opera di Roma", "Ravenna Festival", "Festival dei due Mondi" di Spoleto, "Macerata Opera Festival", "Fondazione Teatro La Fenice", "Fondazione A. Toscanini", "Teatro delle Muse" di Ancona, Festival di Avenches, lavorando al fianco di importanti artisti tra i quali il M°. B. Bartoletti, il M° B. Campanella, il M°J.Conlon, il M° G. Ferro, il M° G. Gelmetti, il M° Z. Mehta, il M° R. Muti, D. Oren,  il M°A.Pappano, il M° D. Renzetti,  il M° N. Santi, il M°Pizzi, il M°Ronconi, il M° F. Zeffirelli.

È stato pianista accompagnatore, e talora solista, in recitals di cantanti quali A. Bocelli, G. Cecchele, M.Devia, G.Giacomini, R. Panerai, C. Remigio, K. Ricciarelli, C. Siepi, G. Taddei, D. Theodossiu.

Nel 1997 debutta come direttore d'orchestra ne la Serva Padrona di G. Pergolesi.

Ad essa seguono nel 1998 Rigoletto con L. Nucci presso il "Teatro Metastasio" di Prato, Il Barbiere di Siviglia, L'elisir d'amore, Madama Butterfly, Gianni Schicchi con R. Panerai e Il Trovatore al "Teatro Civico" di Spezia.

Dal 2001 ad oggi ha diretto in vari concerti sinfonici l'Orchestra "A. Toscanini" di Parma, la Filarmonica del Friuli Venezia Giulia, l'Orchestra del Teatro di San Carlo di Napoli.

Nel 2011 è direttore musicale di palcoscenico presso il "Salzburgerfestspiele" nel Macbeth di Verdi (dir: M° R. Muti, regia P. Stein, Wiener Philharmoniker).

Dal 2008 è direttore musicale di palcoscenico presso il Teatro di San Carlo di Napoli.

Per il Teatro di San Carlo di Napoli nel 2010 ha diretto La Traviata, Tosca, I cantori di Brema ; nel 2012 le prime assolute dell'opera Viaggio in Italia e il balletto Peter Pan di G. Panariello, Don Trastullo di N. Jommelli, La Bohème, Cavalleria rusticana; nel 2013 Il Barbiere di Siviglia; nel 2014 il balletto Le Corseire, Don Checco di N.De Giosa e L'elisir d'amore; nel 2015 Turandot, La Serva Padrona (Expo Milano), la prima esecuzione assoluta di Stabat Mater di Roberto De Simone e un concerto lirico- sinfonico in occasione della visita a Napoli del Presidente della Repubblica Italiana S. Mattarella. Nel 2016 La Traviata, Pierino e il lupo (Peppe Barra voce narrante) La vedova allegra ,  Fedora, Der Zwerg (di A. Zemlinsky), Il Tabarro.

Nel settembre 2017 inaugura la stagione dell'Opera di Dubai dirigendo "Le nozze di Figaro". 

Tra i solisti diretti in vari concerti sinfonici: S. Chang, M. Maisky e I. Battiston.

Molto attivo anche nel repertorio contemporaneo ( Henze, Berio, Gubajbulina, Part, Maderna).

Oltre che di numerosi brani pianistici, fra i quali Parafrasi da concerto (2006, Berbèn edizioni musicali), è autore di Messa di Requiem in memoria di Giovanni Paolo II (2007,Berbèn edizioni musicali), della cantata Mysterium Matris Mariae (2014, M.A.P. Editions) e delle opere liriche Nel sogno di stanotte (1996), In Vivinaia (2002), L'Angelo di gesso (2003), Mandragola (2004, OTOS edizioni musicali) e Fedra (2006, OTOS edizioni musicali). Nel 2008 compone Trasfigurazione su Don Giovanni per il Festival Mozart di Rovereto.